Genitori Fatti ad Arte

"Genitori fatti ad arte" è una nuova rubrica di approfondimento pedagogico.

Un'occasione per riflettere sul proprio ruolo genitoriale e sui propri stili educativi, su nuovi modi ed opportunità per stare con i propri figli e condividere esperienze inconsuete attraverso l'arte moderna e contemporanea.

Ogni volta verrà presentata e proposta un'opera d'arte diversa, punto di partenza e stimolo per riflessioni ed attività pratiche per tutta la famiglia.

Perché l'Arte Moderna e Contemporanea?
Come può essere utile in ambito educativo?

In generale l'arte si offre sempre come medium educativo e pedagogico di grande valore, ma soprattutto quella moderna e contemporanea è uno strumento ottimale in questo senso: è provocatoria, spiazzante, a volte incomprensibile e perfino scioccante. Ed è per questo che invita alla riflessione: davanti ad un'opera d'arte contemporanea è pressoché impossibile restare indifferenti. Possiamo non capirla, non condividerne i presupposti o i valori, possiamo esserne disgustati o al contrario completamente rapiti e affascinati senza nemmeno sapere perché, ma susciterà sempre e comunque una qualche reazione che ci porterà a riflettere e a riconsiderare i nostri valori e le nostre convinzioni. Un costante lavoro di revisione e di messa in discussione dei punti fermi della propria cultura, dei valori, dei ruoli, paragonabile a quel che avviene quando si è genitori (o educatori, in generale).

Ecco come l'arte può rivelarsi strumento utile nella costante ricerca dell'equilibrio, precario ed instabile per definizione, e come punto di partenza in itinerari di supporto ai ruoli genitoriali.

La rubrica Genitori Fatti ad Arte è curata per Officina Genitori da Sara Baistrocchi, laureata in Scienze dell'Educazione, Master in Servizi Educativi per il Patrimonio Artistico, specializzata in tecniche artistiche ed artigianato nei contesti formativi.
Lavorando secondo i principi dell'Approccio Reggiano, Sara progetta e conduce da anni, nelle scuole di diverso ordine e grado, percorsi improntati all'educazione del pensiero creativo progettuale, collabora con diverse organizzazioni promuovendo lo sviluppo di stili educativi consapevoli, attraverso l'arte moderna e contemporanea.

Inoltre Sara è anche mamma, e come ama sottolineare; "Ho molta esperienza professionale, ma per avere una panoramica di ciò che comporta l'essere genitore mi è stato utilissimo sperimentarlo direttamente sulla mia pelle!"

Tema: tane, rifugi e luoghi speciali

Attività: lenzuolo-tana + visualizzazione del posto speciale

Età: per tutti

Opera: Celula Nave, installazione fatta di nylon, sabbia, spezie. 2004  Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam

Autore: Ernesto Neto

Ernesto Neto è un artista contemporaneo brasiliano che adoro. Tutta la sua opera è incentrata sulla creazione di sculture a metà tra l'installazione e veri e propri ambienti: intere stanze in cui il pubblico può entrare ed interagire con lo spazio e le strutture che lo abitano.

Tema: valori e principi che guidano le nostre scelte da genitori

Attività: il Manifesto genitoriale

Età: per genitori

Opera: African Lion, 2006

Autore: Andrew Zuckerman

 

Si avvicinano Natale e il nuovo anno e come al solito le persone si preparano ad avere buoni propositi. Progetti di essere più buoni, di vivere la vita in modo più vero, coltivare relazioni sincere, essere persone migliori e quindi anche genitori migliori. Lo sto facendo anch'io. In questi giorni mi sto interrogando sulle scelte fatte e sul mio ruolo di genitore avendo a che fare con un figlio che si è rivelato estremamente attaccato agli oggetti materiali, alle COSE, ossessionato dai soldi. Certo il fatto di avere ricevuto un sacco di soldi da dei parenti per il suo compleanno non ha aiutato la sua mente di bambino di otto anni a capirne il significato ed il valore. Siamo arrivati al punto che non possiamo entrare in un negozio o supermercato senza che lui sia colto improvvisamente da una crisi consumistica e mi bombardi di richieste sostenendo che ogni cosa che vede gli serve e che tanto può pagare con i suoi soldi (che peraltro non ho mai visto dato che sono stati consegnati a noi genitori da custodire e gestire).

Tema: celati inviti educativi nella quotidianità

Attività: scheda dei 30 cerchi

Età: riflessione per i genitori

Opera: The Tinners Hounds, scultura-installazione di arte pubblica, Tatty square, Redruth, Cornovaglia, UK

Autore: David Kemp

 

David Kemp è un artista contemporaneo che vive e lavora in Cornovaglia. Come molti altri artisti intreccia nel suo lavoro principi e valori del riciclo e del riuso creativo, caricando le sue opere di connessioni profonde con la storia passata dei materiali che utilizza e dei luoghi in cui questi materiali sono stati trovati.

Tema: promozione della  creatività

Attività: scheda dei 30 cerchi

Età: dai 3 anni

Opera: ‘Everyone is an artist’ fotogramma dal video Willoughby SHARP, Joseph Beuys, Public Dialogues (1974/120 min)

Autore: Joseph Beuys

‘Everyone is an artist’ é un’opera di J. Beuys, uno slogan scritto a mano su un cartello, parte di una serie di incontri-dibattiti-performance che l’artista ha tenuto nel corso della sua carriera. Beuys credeva fermamente che fosse possibile trasformare la società attraverso la creatività individuale. Alla base di questa idea c’era un concetto di arte e di artista molto ampio. Lo slogan ‘Ogni persona é un artista’ sembra una provocazione, ma di fatto é semplicemente un modo per sostenere che ogni essere umano é creativo per natura e questa creatività può svilupparsi in maniere molto diverse. Durante tutto il corso della sua vita artistica Beuys si é impegnato a promuovere l’idea che ogni persona può e deve imparare ad essere creativa in una moltitudine di modi diversi. La creatività non é dominio solo ed unicamente degli artisti, ma saldamente intrecciata con la natura umana stessa e quindi elemento fondamentale nel relazionarsi con la realtà. Soprattutto in un epoca così dinamica e complessa com’é quella contemporanea.

Tema: mettersi in discussione e cambiamenti di vita

Attività: pausa riflessiva

Età: per genitori

Opera: A painting too real (Un dipinto troppo realistico)

Autore: Erik Johansson

 

Sono stata latitante per un po’, lo ammetto. Mi ero illusa che fosse semplicemente per mancanza di tempo, con due lavori, i bambini, l’università il ‘tempo per me stessa’, ma mi sono resa conto che era in realtà una pausa riflessiva, un momento interiore complesso. E lo è ancora, ma mi sto forzando a venire allo scoperto.

Poco più di un anno fa mi sono separata, dopo 14 anni di convivenza, quasi 13 di matrimonio, due figli e una miriade di altre cose, belle, brutte e così così. Non mi soffermo sui dettagli né sulle motivazioni di questo cambio di rotta, ma rivolgo l’attenzione alle mie riflessioni di queste settimane.

Tema: la comunicazione, sentimenti, stati d’animo, bisogni (comunicazione non violenta)

Attività: il gioco degli stati d’animo

Età: dai 3 anni in su (anche per i piú piccoli, con semplificazione e mediazione da parte dei genitori)

Opera: Ago, filo e nodo (scultura monumentale in Piazzale Cadorna a Milano)

Autore: Claes Oldenburg

 

L'opera di cui vi parlo questa volta è una scultura gigantesca, una sorta di monumento che probabilmente in molti avrete visto dal vero. "Ago, filo e nodo" si trova in Piazzale Cadorna a Milano ed è una  reinterpretazione di quell'angolo di Milano (e un pò di tutto lo spirito della Città) da parte dell'artista contemporaneo Claes Oldenburg. Io adoro Oldenburg. Adoro la sua capacità di riprodurre piccoli dettagli di vita quotidiana (una molletta da bucato, un cucchiaino, ago e filo...) stravolgendone completamente le dimensioni e trasformandoli in sculture monumentali, obbligandoci a rileggerne significati e valore.

Tema: l’ambivalenza delle sensazioni nell’essere genitore

Attività: disegni da diversi punti di vista

Età: per tutta la famiglia

Opera: ‘Work N.210 Half the air in a given space’   Installazione, Tate St Ives

Autore: Martin Creed

L’arte contemporanea è complessa e bizzarra, capace di svilupparsi attraverso modalità e forme estremamente diverse. Cosí come la genitorialità.

Tema: la percezione nei neonati e la promozione della lettura dai primissimi giorni di vita

Attività: mini libro di contrasti cromatici

Età: neonati

Opera: Trenta, Olio su tela 81X100cm, Museo Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea G. Pompidou, Parigi

Autore: W. Kandinskiji

L'importanza della lettura e della familiarità con i libri fin da piccoli è sicuramente una cosa ormai ampiamente condivisa. Soprattutto nell'ultimo decennio si è puntata molto l'attenzione su questo aspetto dello sviluppo e dell'educazione dei bambini.

Tema: sapervedere 

Attività: lo scrigno dei momenti speciali 

Età: per tutti (i piccoli avranno bisogno della mediazione dei genitori) 

Opera: Statua di Vittorio Emanuele a Cavallo impacchettata  - Milano-

 Autore:   

Mancano pochi giorni a Natale e mi interrogavo su cosa poter scrivere... una riflessione che fosse in qualche modo legata ai valori di questo particolare periodo dell’anno, ma senza scadere nella banalitá o in considerazioni moralistiche e scontate. E allora ho pensato ai doni nell’arte e mi è venuto in mente il lavoro di una coppia di artisti che si presta molto bene a  questo discorso.

L'ozio come stile di vita

"Svegliarsi la mattina presto, precipitarsi al lavoro, ingurgitare un caffè durante una pausa volante, sbocconcellare un panino davanti al video, correre a casa, sudare un paio d’ore in palestra, fare un salto al supermercato, preparare in fretta la cena e poi uscire di nuovo per un serata al cinema, a teatro, in discoteca oppure crollare esausti nel letto: la vita moderna è sempre più frenetica e assomiglia spesso a un tour de force.

Fin da bambini siamo stati tiranneggiati dalla presunta virtù dell'alzarsi presto la mattina. Poi ci hanno insegnato a non sprecare il tempo dormendo, sempre in nome di una logica per cui lo scopo della vita è lavorare, produrre, guadagnare.
Perché non ritornare ai ritmi naturali e rilassati di un tempo quando ogni gesto era meditato e assaporato in tranquillità? Perché non riscoprire il valore positivo dell’ozio e metterlo al centro di uno stile di vita più sostenibile?

È questo l’invito che l’inglese Tom Hodgkinson avanza con serietà ed ironia in questo libro originale e provocatorio, che si propone come una guida preziosa alla “nobile arte dell’ozio”, che non è il padre dei vizi ma la condizione per riappropriarci della vita e lasciare campo libero alle più elevate attività dello spirito , “probabilmente la più piacevole rivoluzione che il mondo abbia visto.”

autore: Tom Hodgkinson

editore: BUR

La città dei bambini

La rivoluzione proposta in questo libro è ripensare alle nostre città a partire dai bambini: una città fatta per i bambini è garanzia di una vita migliore per tutti.

Francesco Tonucci è un ricercatore del CNR che ha avviato con il comune di Fano il progetto "La città dei bambini".

Questo libro rivede tutte le priorità della vita di città, dove sono le macchine a farla da padrone. I bambini sono prigionieri delle case, non possono uscire a giocare da soli, non possono andare a scuola da soli. Non vivono la città, perché in realtà le città non sono più vivibili.

Ma considerando il punto di vista dei bambini, contemporaneamente si rispettano anche le altre categorie più deboli: gli anziani, i disabili. Una città pensata per i bambini è in realtà una città per tutti, e il libro ci mostra come e perché. La soluzione potrà sembrare utopica, forse, ma per l'autore è molto più utopico e folle procedere nel cammino senza futuro che le nostre città hanno imboccato. Quella dei bambini è un'utopia concreta, un'utopia sostenibile.

La prefazione è di Bobbio.
L'autore è anche disegnatore, con lo pseudonimo di FRATO.

autoreFrancesco Tonucci

editore: Laterza

E ora andiamo felici all’asilo?

Per la maggior parte dei bambini arriva a un certo punto il momento dell’ingresso alla scuola materna, luogo che riveste un ruolo fondamentale nel processo di crescita di ogni bambino.

Leggi tutto...